CONSULTE INDIVIDUALI CON I TAROCCHI DI MARSIGLIA

DSC_0193.jpg

I Tarocchi come via verso la consapevolezza

La consulta individuale è un incontro in cui vengono utilizzati i Tarocchi di Marsiglia ( restaurati da Jodorowsky e Camoin), seguendo il metodo elaborato da Alejandro Jodorowsky e in seguito da Jade Doniz.

Questo metodo non è divinatorio, ma ha uno scopo terapeutico e di autoconoscenza, è una via verso la consapevolezza e la liberazione.

Le carte sono uno strumento per entrare in contatto con il nostro inconscio e attraverso la comprensione, riparare, guarire e valorizzare i nostri conflitti personali. Il consultante è aiutato a prendere consapevolezza dell’origine dei propri blocchi e delle situazioni negative della propria vita e a far chiarezza sul proprio cammino sciogliendo dubbi e difficoltà. I tarocchi sono come uno specchio, ci mostrano ciò che già abbiamo dentro, ci aiutano a vedere con più chiarezza e a comprendere cosa ci ostacola nel cammino della nostra anima e cosa ci aiuta a trasformare ciò che desideriamo nella nostra vita. Quando il linguaggio dei Tarocchi diventa chiaro, possiamo nutrirci del loro significato profondo e soprattutto applicarlo, in modo che la conoscenza acquisita abbia un’applicazione positiva ed efficace nelle nostre vite.

Durante la consulta vengono, inoltre, consigliati atti metaforici o “psicomagici”, azioni rituali e poetiche che parlano al nostro inconscio, o altri strumenti terapeutici, che possono aiutare a guarire e a trasformare le situazioni negative in maniera positiva e creativa.

La consulta dura 1 ora 1/2  circa e si svolge presso lo Spazio Continuum, Kea riceve su appuntamento, contattandola al numero:

3356680398 o alla mail: info@spaziocontinuum.it

Kea Tonetti

Tarologa, danzatrice e insegnate di Danza Sensibile, Danza Butoh e Yoga. Oltre al suo percorso di danzatrice, da anni ricerca e intraprende vari cammini di ricerca interiore, incontrando e seguendo vari maestri, terapeuti e ricercatori. Nel 2000 incontra Alejandro Jodorowsky e in seguito Cristòbal Jodorowsky con il quale intraprende un percorso terapeutico-artistico che durerà dieci anni, attraverso lo studio della Psicogenealogia e la pratica della Psicomagia, conseguendo una formazione sulla lettura dell’albero genealogico e prendendo parte mensilmente a un gruppo di ricerca (Gips) sullo psicosciamanesimo. Nel 2010 incontra Paulina Jade Doniz, con lei approfondisce lo studio dei Tarocchi di Marsiglia e della Psicogenealogia e dello sciamanesimo messicano, divenendo sua assistente per 6 anni.

Da tempo pratica e ricerca nell’ambito delle discipline e delle vie spirituali orientali: yoga, tantra e sciamanesimo. Incontra guaritori e sciamani di varie culture: sciamanesimo siberiano, e spiritismo Venezuelano. Nel 1995 incontra la pratica dell’Hara Yoga fondata dal M° Giò Fronti, della quale diventa insegnante nel 2001, con Giò Fronti inoltre studia e pratica l’arte del contatto con le mani attraverso la pratica di “Setsu Shin”, toccare lo spirito e di “Shin Ki Ren”, l’energia di guarigione tramite il respiro e la visualizzazione della luce.